Boeri, un «archi-star» tra le rovine della Brescia industriale