La fine di un incubo per 139 operai bresciani: l’azienda è salva, venduta a 11 milioni