Libero dopo revisione, “finito incubo”