Parcheggi, limiti alle consegne e negozi “indesiderati”: lo scudo su Città Alta