Prof e vaccini: «A decidere è l’algoritmo»