La Corneliani ce l’ha fatta: intesa davanti al ministro, non ci sono licenziamenti