Il ministro Cartabia: «Pratichiamo la giustizia come faceva don Resmini»